Tue07222014

Diktat, Troika e armi

alt

Io, sulla crisi greca, mi ero fatto un’opinione abbastanza precisa: certo non pensavo di sapere tutto, ma credevo di non essere lontano dal vero. Ritenevo che si la Troika stesse gestendo il dossier Grecia con troppa durezza, ma che il tutto fosse giustificato dal contesto, i governi greci, soprattutto l’ultimo, avevano falsificato il bilancio consegnato ad Eurostat per coprire una burocrazia elefantiaca, uno stato sociale bulimico ed un’evasione fiscale da urlo, ed ero, sono, rimango convinto che non possa passare l’idea che, anche in presenza di violazioni così gravi, l’arrivo della cavalleria, sotto forma di consistenti aiuti da parte di Brussels, debba essere scontato.

Poi, peregrinando tra diversi bog e siti di informazione, mi imbatto in un articolo del Corsera che titola: “Fregate, Sottomarini, Caccia, quelle pressioni di Merkel e Sarkozy per ottenere commesse militari”. Nell’articolo si afferma, senza reticenze, che i due leaders europei abbiano condizionato il rilascio delle tranche di finanziamento del debito pubblico di Atene, all’acquisto da parte della Grecia di armamenti militari a favore delle industrie francesi e tedesche e, prosegue, quando un primo ministro si era opposto, Papandreu, esso fu messo da parte, senza troppi complimenti. Il cinismo che promana da questo affare è rivoltante e tra l’altro era stato anche rimarcato dai giornali tedeschi.

Chiedere le dimissioni del presidente della Repubblica (e tuo propabile avversario politico, vero Angela) deve essere stato facile, quasi quanto ordinare una statua per immortalare la tua Madame, vero Sarkò: ma di fronte a commesse militari per miliardi di euro, si può passare sopra a tutto, in fondo i greci se la sono voluta, e tanti saluti a chi è in preda alla disperazione ed inizia a suicidarsi ad Atene e dintorni. Così la Grecia, quest’anno, impiegherà il 3% del suo disastrato Pil per coprire le spese in armamenti (l’Italia, ad esempio, impiegherà lo 0,9%), mentre sta selvaggiamente tagliando ogni forma conosciuta di stato sociale, sotto il diktat di chi, con l’altra mano, gli vende quelle stesse armi.



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi