Thu10022014

Back Attualità Attualità Cacciari: «Invece di mollare il governo,
i partiti pensino a come rinascere»

Cacciari: «Invece di mollare il governo,
i partiti pensino a come rinascere»

alt

«Al giorno d’oggi i partiti sono nulla in termini di analisi politica e sociale: sono diventati dei campi di lotta tra pochi feudatari. Se poi ora ci si mettono anche problemi di ordine morale, la misura è colma». È da tempo, e da tempi “non sospetti”, che Massimo Cacciari lancia l’allarme sulla deriva autoreferenziale della politica. I fatti (e i numeri di tutti i sondaggi) gli danno ora ragione. Non è finita solo l’epoca del bipolarismo forzoso: a essere “decrepito” è un intero sistema, che ora rischia di lasciare campo libero – sulle macerie della cosiddetta Seconda Repubblica – a populisti e demagoghi di varia estrazione.

Ma ‐ prosegue Massimo Cacciari intervistato dal Mattino – Grillo «non è la causa, piuttosto è il prodotto, è l’effetto del collasso culturale, morale e organizzativo cui sono giunti i partiti». Dunque «bene ha fatto» il capo dello Stato a incitare i partiti a eliminare il marcio e rinnovarsi. Come possono salvarsi? Affrontando in maniera chiara, dice l’ex sindaco di Venezia, i veri temi sul tavolo, senza falsi annunci o compromessi all’acqua di rose: finanziamento pubblico, sistema elettorale, democrazia interna. Ecco i veri nodi da sciogliere.

Insomma, i partiti «sono avvertiti». Hanno anche capito – sottolinea Cacciari – che non potranno mandare a casa Monti prima della fine della legislatura. Ma hanno anche capito che per uscire dal coma devono aprirsi ai cittadini, dopo averli «cacciati». A partire dai giovani. D’altro canto – osserva Cacciari – «se vai a un convengo su tematiche filosofiche o teologiche incontri mille giovani, se vai a una riunione di partito ci sono quaranta vecchi. La colpa è di un linguaggio ormai decrepito e demagogico che si parla nei partiti».



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi