Mon09012014

Back Attualità Attualità Caro Italo, no: non finiremo
tra le braccia di Angelino

Caro Italo, no: non finiremo
tra le braccia di Angelino

alt

Ma davvero basterebbe che il Cavaliere facesse un passo indietro, consegnasse le chiavi del suo partito al fidato segretario Angelino Alfano e si mettesse zitto e buono in un cantuccio, per rimettere in piedi l’ormai mitologico “polo dei moderati”, finiani inclusi? Pare esserne persuaso Italo Bocchino, che di Futuro e libertà è vicepresidente. Il quale dice che «se Berlusconi rinuncia a qualsiasi ruolo e spinge il Pdl a diventare un nuovo soggetto politico pronto a dare vita a una coalizione di moderati con una leadership plurale che comprende “ACF”», allora sì «se ne può discutere».

Dunque qualora l’ex presidente del Consiglio accettasse di ritirarsi a vita privata (e immaginiamo che in tal caso il segretario Alfano non oserebbe mai disturbarlo per chiedergli consigli sulle politiche da seguire, in tema magari di giustizia o di comunicazioni), sarebbe possibile ricostruire una casa comune con Daniela Santanchè e Maurizio Gasparri, Ignazio La Russa e Carlo Giovanardi, Sandro Bondi e Fabrizio Cicchitto, Gaetano Quagliariello e Marcello Dell’Utri. Tutti esempi di “moderazione”, com’è peraltro noto.

Caro Italo, no. Se la scommessa finiana dovesse finire tra le braccia di Angelino Alfano, per Fli sarebbe forse una vittoria tattica ma certamente una grande sconfitta politica e culturale. Ed è curioso che a sostenere tale ipotesi siano gli stessi che si fanno custodi della presunta identità di Futuro e libertà per difenderla dalle minacce della nuova Balena Bianca. Non morire democristiani per vivere cripto-berlusconiani? Non sciogliersi per liquidarsi? No, per quanto ci riguarda noi non ci stiamo. La politica che sogniamo, e che Gianfranco Fini ci ha indicato, non passa più per Palazzo Grazioli e dintorni.



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi