Mon12222014

Back Attualità Attualità Dopo i veleni, ecco lo show dell’unità leghista
Bossi abdica: «Bobo è il bene del Carroccio»

Dopo i veleni, ecco lo show dell’unità leghista
Bossi abdica: «Bobo è il bene del Carroccio»

alt

La Lega sia «compatta» e torni a essere «la forza politica principale del paese». Non è Roberto Maroni a parlare ma Umberto Bossi, intervenendo a sorpresa nel corso di un incontro pubblico elettorale tenuto dall’ex ministro dell’Interno a Besozzo, nel Varesotto. Apparentemente torna quindi la pace tra i due. Operazione di facciata, considerando i nuovi veleni relativi al dossier su Maroni del quale il Senatùr sarebbe stato al corrente?

Di sicuro con l’approssimarsi del voto amministrativo per il Carroccio non è il momento migliore per continuare la guerra dei veleni e la resa dei conti interna, dopo alcune “decapitazioni” eccellenti e iniziative di perdono verso una parte della nomenclatura storica.

«Vogliono tentare di rompere la Lega», denuncia Bossi che poi lancia la candidatura di Maroni alla guida del Carroccio. «Lui è il bene della Lega», dice e poi spiega: «Un po' ci vergognavamo di quello che è accaduto, ma la gente ha capito. Se qualcosa è andato storto è perché c'è stato un raggiro». «Noi - dice ancora Bossi - crediamo nella Lega e nel progetto. Mi sono dimesso, un primo passo, ma a dire il vero sono aumentato di grado, da segretario sono diventato presidente...», spiega l'ex ministro delle Riforme, «dobbiamo essere forti e mostrare che non si passa». Di qui i soliti proclami: «Il nostro nemico è il centralismo di Roma».

L’argomentazione di Bossi sul disastro che ha colpito la Lega è bizzarra: «Se uno va a fondo scopre che nessuno si è arricchito. Ma chi si è preso i soldi è giusto che si faccia da parte. Ma lui, va detto, è tra quelli che è rimasto al suo posto, figlio compreso. Le dimissioni da segretario del partito, difatti, non sono tutto ciò che poteva fare.

Poi c’è Roberto Calderoli che ha rivelato alcuni particolari che riguardano la sua volontà di dare le dimissioni, poi respinte, nei giorni scorsi dopo il coinvolgimento nelle intercettazioni telefoniche. «Non potevo non vedere l'esempio di Bossi - ha detto oggi a Jesolo - appena saputo del mio coinvolgimento nelle intercettazioni, sono andato da Bossi a rassegnare le mie dimissioni e Bossi mi ha detto “Tu resti lì”. Dopo due giorni sono andato da Maroni e dalla Dal Lago sempre per dare le dimissioni: mi hanno mandato a quel paese e mi hanno preso a mali parole, mi hanno detto “Devi continuare a lavorare”».

Calderoli del resto difende Bossi a spada tratta: «Lo conosco da 25 anni - ha detto - ha tolto il pane di bocca ai figli per darlo alla Lega, ha dedicato una vita al movimento. Sono sicuro che non ha mai preso soldi della Lega per la sua famiglia. Le correnti purtroppo stavano nascendo anche se non potevamo dirlo e avrebbero distrutto l'unità della Lega».



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi