Wed10012014

Back Attualità Attualità Se Fini sembra la minoranza del “suo” partito

Se Fini sembra la minoranza del “suo” partito

alt

di Carmelo Palma - Se si immagina il contenitore ideale in cui stipare il contenuto delle rotture finiane – di quelle successive alla costituzionalizzazione politica della destra post fascista e precedenti alla cacciata dal partito berlusconiano – questo rassomiglia di più ad un partito finiano – meno padronale, ma altrettanto personale di quello berlusconiano – o ad un soggetto politico “plurale”, che risolve secondo una logica meno eccezionale il rapporto tra leadership e partito?

E ancora: questo partito ideale rassomiglia di più a Fli o ad un soggetto politico in cui finiana non sia una componente minoritaria, ma una sensibilità e un’opinione politica potenzialmente maggioritaria, fuori dai meccanismi di affiliazione, di continuità e di gruppo?

Dopo il Terzo polo – che non c’è più e che il disimpegno dell’Udc da una logica banalmente condominiale ha reso (fortunatamente) inservibile per il futuro – lo spazio politico finiano non è al di qua, ma al di là delle geometrie formali e delle parentele ideologiche della politica secondo-repubblicana. Fli è stato un modo di resistere, non può ragionevolmente diventare il modo di esistere di un discorso politico – quello di Fini – che a tutto serve, fuorché a riportare “a casa” le identità, le storie e le paranoie della destra italiana.

Quando venne messo alla porta da Berlusconi, Fini era in (estrema) minoranza proprio perché parlava con uno spirito maggioritario e rigettava un’ideale di compattezza e di un’unità politica esclusiva e difensiva. Fini diventava “di sinistra” perché diceva che i confini della destra ormai recintavano il vuoto.

Oggi Fini rischia di apparire in minoranza anche nel “suo” partito che, minoritario per necessità, sembra volerlo diventare per vocazione ed esibisce un’identità improbabile e posticcia – un po’ di destra e un po’ no, un po’ sociale e un po’ (meno) liberale, un po’ pre berlusconiana e un po’ post berlusconiana – che recinta un vuoto altrettanto vuoto, ma decisamente più piccolo.



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi