Fri08012014

Uomini e ominicchi

alt

Quando ho scelto il titolo di questo blog “Memorie dal seminterrato”, gentilmente ospitato dal Futurista, non è stato solo un ironico omaggio al grande Dostoevskij, ma proprio il dispiegamento uno stato d'animo. Appartengo a una generazione, se non paleolitica, diciamo d'altri tempi. Ad altri tempi apparteneva anche Lucio Magri, intellettuale rigoroso, fondatore del Manifesto, che se n'è andato per sua scelta, optando per il suicidio assistito in una clinica svizzera. Non voglio commentare la “scelta”, che è sua, appartiene alla sfera di discrezionalità di ciascun essere pensante, né alimentare il dibattito pro-contro la “dolce morte” che in un Paese come il nostro rischia di diventare, more solito, un ring tra opposte fazioni, voglio solo commentare un modo di vivere la politica, l'impegno, di una persona come Magri rispetto a come si è vissuta la politica negli ultimi anni. E Magri non era certo un bacchettone, definito il “comunista da salotto”, animò le cronache mondane dell'epoca: il suo affaire con la Marzotto, dipinto a tinto fosche dal rivale Guttuso, fece la gioia dei tabloid scandalistici, quasi come le escort del Cavaliere. Eppure, classe 1932, dagli anni '90, smette di fare politica attiva, dedicandosi solo a scrivere sul suo giornale e pubblicando un libro “Il sarto di Ulm” nel 2009. Se pensiamo che nel frattempo Berlusconi di appena 4 anni più giovane, impazza incontrastato (sino a un paio di settimane fa) al governo del Paese e Andreotti, arzillo novantaduenne, siede ancora sugli scranni di Palazzo Madama, ci rendiamo conto che non è solo questione anagrafica. Magri, ma anche Pintor, cofondatore del Manifesto, anch'egli parlamentare del Pci prima della “radiazione” causa frazionismo, abbandonano senza particolari rimpianti la “politique politicienne”, il potere e la “poltrona” non fanno per loro. “Servabo” il titolo di uno splendido libriccino di Luigi Pintor, servirò, sarò utile. Ecco, loro, i Magri, i Pintor, ma anche gli Almirante resteranno, anche se sconfitti dalla storia, “nella” Storia. Degli ominicchi, come li definiva Sciascia, dei quaquaraquà, che animano la scena politica dei nostri tempi, degli Scilipoti per intenderci, fortunatamente non resterà alcuna traccia, un velo di oblio pietoso li cancellerà insieme alle loro misere e inutili esistenze.



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi