Wed07302014

Back Esteri Esteri 2 Ma non c’è Europa senza Grecia:
appello ai grandi dell'Unione

Ma non c’è Europa senza Grecia:
appello ai grandi dell'Unione

alt

La costruzione politica di un tessuto comune europeo non può che passare dalla non esclusione della Grecia dall’eurozona e, quindi, da una visione solidale di quanto sta accadendo al centro dell’Egeo. Al di là del merito di conti oggettivamente alterati, di bilanci incoscienti e di politiche da condannare senza se e senza ma, questo sia il momento della solidarietà e di una valutazione generale che non prescinda dalla logica. Salviamo la Grecia perché la Grecia è l’Europa, (ecco la pagina facebook SOS Grecia), è la culla di quella stessa civiltà che oggi invita a parlare come ragionieri prima che interrogarci sui valori fondanti della cultura continentale.

Ovvio che non si possa che accettare il piano dell'Ue, dal momento che per usare le parole del ministro delle finanze tedesco «al buco nero va messo un tappo». Ma senza l’astio di qualche commentatore scialbo, senza la frettolosa deviazione verso un’Unione di serie A e una di serie B, con due monete dal diverso peso specifico, con due sguardi differenti, con l’eterna contrapposizione tra il nord e il sud di un punto. Questo il passaggio culturale: essere europeisti oggi significa auspicare un’Unione senza defezioni, sforzarsi di provocare la crescita non solo con i tagli, ma con una politica continentale che è mancata (ecco l'opinione del senatore Baldassarri), anelare a un allargamento vero e non solo di comodo.

Di contro è altrettanto ovvio che, condannando fermamente la violenza, non si possa non prestare l'orecchio al malessere sociale della gente. Sarebbe quello il segnale che l’unione non c’è, che è tutta disgregata, che gli insegnamenti di Atene, passata in pochi mesi da “polis” a “polemos”, sono stati vani, che Pericle e Socrate sono state solo due tediose parentesi scolastiche.

Quando, invece, se non vi fosse stato ad esempio il sacrificio delle Termopili oggi quei popoli teutonici che si mostrano di ghiaccio, avrebbero altro nome e altre terre. 



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi