Thu04242014

Back Il commento il commento Caro Filippo, 

temo che

quel pugno

sarà inutile...

Caro Filippo, 

temo che

quel pugno

sarà inutile...

alt

di Sergio Talamo

Caro Filippo, più che la facile solidarietà per l'occhio nero, voglio esprimerti una solidarietà più ardua: quella per l'inutilità del pugno che hai preso. Eh già. Tutto inutile. Il cazzotto che in un attimo rende ridicole le parole, superflui i pensieri. I calci mentre sei per terra, dato che - si sa - il nemico ferito è più nemico di prima. L'aggressione voluta "in casa tua", per avvertire il mondo che nessun traditore è mai al sicuro. E la spedizione in 15, tutti in nero di gala... E lo sputo finale, per tramandare alla Storia che quel giorno di luglio non vi fu litigio ma pulizia etnica...

Tutto questo, Filippo, non è servito a nulla. La reazione è stata da arco costituzionale anni '70. La condanna per il grave gesto da parte di "alcuni" politici e partiti. Il silenzio sprezzante di "altri" politici e partiti. La beffarda sottovalutazione di tutti coloro che "ma dai, ora fa la vittima ma in fondo sono suoi amici"; "cose che capitano, meglio avere passione che far parte della casta";  "ma chi, Fini, quello di Montecarlo?".

Perché, a quanto pare, in Italia non è ancora chiaro, né ai politici né ai magistrati, né ai giornalisti né ai poliziotti, come nasce il terrorismo.

Cose che capitano? In realtà cose decise perbenino. C'è un gruppo che, come gli squadristi di tutti i tempi, si organizza e si arma. Partono appositamente da Roma, per darti la memorabile lezione. Immagino i preparativi: "I camerati di Viterbo ci confermano che il cane è in quel posto, a quell'ora". Il loro obiettivo era politico. L'hanno ottenuto. Con quell'aggressione, si sono affermati come i duri e puri del nostro tempo, i rappresentanti di una parte di società che sfoga la sua rabbia nella lotta al "contaminato".

Caro Filippo, tu li chiami "scheggia impazzita di una politica sepolta". Magari! In realtà - così come i loro fratellini dell'estrema sinistra per cui il mondo è un enorme G8 da assalire e bombardare - questi non sono epigoni di ciò che è stato: sono i germi di quel che sarà.

Loro sono fulminei, vitalissimi. Le istituzioni sono reattive come mucche insonnolite. La frase "la procura di Viterbo apre un'inchiesta" non vuol dire nulla; anzi, vuol dire ridurre la violenza politica ad una pratica burocratica. Vuol dire, in soldoni, che fare politica così si può. Non c'è un reato specifico. E nessuno sembra interrogarsi sulla "prossima volta". Se nella prossima spedizione scorrerà il sangue, come a Firenze lo scorso dicembre? Lì morirono due senegalesi, e "il movimento" si dissociò. Certo, perché in Italia, da 40 anni a questa parte, è possibile predicare odio e violenza e poi, quando i fatti avvengono, dire "noi non c'entriamo".

Caro Filippo, quando due anni fa cominciai a scrivere su Farefuturo - io, socialista dai tempi del liceo, orgoglioso di esserlo - mi colpì il tuo gusto per il confronto. Per il "cambiare idea" se uno dice una cosa giusta, bella, che ti apre un nuovo mondo. Sulla tua rivista ho scritto contro Berlusconi ma anche dell'infamia della statuetta in fronte a Berlusconi. Ho scritto del futuro, ma anche di Matteotti e di Craxi. Ho scritto in un giornale che veniva da destra ma non parlava mai della destra o del Msi, perché "destra, centro e sinistra sono yogurt scaduti". 

Oggi ti scrivo che se non ci svegliamo, tutti, finiremo affogati in quello yogurt rancido dove le ideologie sapevano uccidere. 



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi