Tue09302014

Back Il commento il commento Chi attacca Monti
per riscattare
una politica finita

Chi attacca Monti
per riscattare
una politica finita

alt

di Filippo Rossi

«Lo spread non cala, Monti non serve a nulla, i professori hanno fallito, ci vuole ben altro, serve un ritorno alla politica...». Per mesi, fin dal giorno dell’addio di Silvio Berlusconi a Palazzo Chigi, Daniela Santanchè è andata di talk show in talk show, di intervista in intervista, a ripetere il suo mantra. I berlusconiani duri e puri - soprattutto provenienti dalle parti di quella che era Alleanza nazionale - non hanno mai digerito il “tradimento” del 14 novembre e l’arrivo al governo dell’ex commissario europeo. Una sparuta minoranza di urlatori all’interno di un arco politico - quello dell’attuale maggioranza - che ha subito scelto, invece, di sostenere l’esperimento di unità nazionale e dare piena fiducia a quella che ancora oggi è l’ultima àncora di salvezza per un paese sull’orlo del baratro.

Ma i mesi passano, e il richiamo della foresta di chi sente odore di elezioni si fa irresistibile. E così ecco che le argomentazioni alla Santanchè iniziano a prendere forza, a diffondersi, a insinuarsi in tutte le forze politiche. Il Pdl (o quel che ne resta) irrobustisce il quotidiano attacco mediatico a Monti e la sindrome del “tiro al bersaglio” contro il premier e i suoi ministri colpisce sempre più esponenti, a destra, a sinistra e persino all’interno della galassia terzopolista.

Appare chiaro che si tratta di un tentativo (peraltro irresponsabile) di propinare agli italiani la pillola dell’oblio. Concentrarsi sui presunti fallimenti di Monti e sui limiti della sua azione di governo per far dimenticare agli italiani le mostruose colpe che ricadono sulle spalle di una classe politica francamente imbarazzante. Cercheranno di riscattarsi così, con mesi di campagna elettorale antimontiana, sperando che il velo del tempo (e della propaganda) si stenda su tutto quel che c’è stato prima di Monti e su tutto quello che ci sarebbe potuto essere al posto dei tanto odiati professori. Ci riusciranno? Sinceramente, sembra difficile.



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi