Tue07292014

Back Il commento il commento Perché la Lega
ci faceva schifo
anche da “onesta”

Perché la Lega
ci faceva schifo
anche da “onesta”

alt

di Filippo Rossi

Gli scandali giudiziari che stanno sconvolgendo e travolgendo la Lega rischiano di farla sembra un partito come tutti gli altri: è questo l'atroce paradosso di queste giornate di polemiche politiche fondate tutte sull'immoralità di un movimento che aveva fatto della moralità uno dei suoi capisaldi. Il fatto che oggi i leghisti sono messi in discussione per aver sgraffignato soldi pubblici li appiattisce e li parifica a qualsiasi mariolo politico, quasi migliorandoli. Perché, è il caso di dirlo, la Lega era imbarazzante prima che diventasse imbarazzante, faceva schifo prima di fare schifo.

E allora facciamo mentalmente un passo indietro per dire (e ricordare) che la Lega ci faceva schifo anche quando (apparentemente) era un partito onesto. Faceva schifo quando entrò in parlamento col cappio in nome di un'antipolitica urlata e cafona. E ha fatto schifo in tutte le sue campagne contro gli immigrati. Ha fatto schifo quando ha portato a spasso un maiale dove sarebbe dovuta nascere una moschea.

Fa schifo quando inneggia alla secessione, quando scommette sulla spaccatura dell'Italia. Ha fatto schifo quando ha utilizzato il crocifisso come manganello politico, quando col suo simbolo del sole delle Alpi ha marchiato a fuoco una scuola pubblica. Fa schifo quando urla “Roma ladrona” e quando insulta i terroni. Ha fatto schifo per il suo populismo, per il suo opportunismo, per il suo razzismo. Ha fatto schifo quando ha sfruttato le paure della gente, quando ha messo magliette blasfeme, quando, quando e ancora quando...

Adesso che la Lega si è scoperta “ladrona”, si è scoperta “normale”, non scordiamoci cosa è stata: un partito estremista che ha fatto del suo estremismo motivo di orgoglio, un partito che ha fatto della propaganda una ragion d'essere, che ha esasperato gli animi, che ha rappresentato la parte peggiore della società. Prima che si scoprisse tutto il resto, la Lega era già un partito “immorale”. Non scordiamocelo. 



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi