Mon09152014

Back Il commento il commento I partiti piccoli sono e saranno piccoli partiti

I partiti piccoli sono e saranno piccoli partiti

alt

di Carmelo Palma

Per tutta la seconda Repubblica si è cercato di surrogare con dispositivi tecnico-elettorali maggioritari i deficit culturali e politici di partiti intrinsecamente minoritari. Non solo i piccoli, ma anche i grossi partiti si sono acconciati ad allargare il perimetro delle coalizioni – sommando parte a parte, particolarismo a particolarismo – ma non si sono rassegnati a diventare veri country party e a sfondare le partizioni “naturali” – territoriali, ideologiche, d’interesse e di classe – della società, per rappresentarne, per così dire, l’intero.

Anzi, nell’Italia bipolare, più che in quella consociativa, ha finito per prevalere l’idea che nell’ordalia democratica trovasse compimento la lotta del “bene” contro il “male” e non che al mercato politico – quanto più libero, accessibile e trasparente possibile – toccasse selezionare le proposte di governo più efficienti e dunque più inclusive e rispettose delle molteplici “diversità” (d’identità e d’interesse, di fede e di costume) di cui la politica deve organizzare la convivenza pacifica e non la guerra.

Per impedire che la democrazia di¬venti la forma politica dell’inimicizia sociale è senza dubbio necessario disarmare la macchina bipolare. Che in Italia bipolarizza un sistema politico intrinsecamente minoritario e dunque non impone una logica maggioritaria, ma “frontista”. Non è però sufficiente questa bonifica – anch’essa, in fondo, di natura tecnica – perché una democrazia competitiva possa funzionare. Servono anche competitor all’altezza. Quantitativamente e qualitativamente attrezzati a competere per il governo. I partiti “grossi” non sono per questo grandi, i partiti “piccoli” – che piccoli vogliono rimanere – sono comunque piccoli partiti.

Quando Gianfranco Fini dice «presidiare un micro territorio non è partita che m’interessi» e si impegna a entrare nel nuovo rassemblement riformatore avendo «per fine una ristrutturazione della politica in Italia» sembra avere chiaro quale è il problema e anche quale possa essere la soluzione.



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi