Thu07312014

Back Il commento il commento Ma chi pensa
al nuovo Caf
ha sbagliato tutto

Ma chi pensa
al nuovo Caf
ha sbagliato tutto

alt

di Luciano Lanna

Sì, lo abbiamo letto che Silvio Berlusconi è ormai sulla difensiva e tenta, come sempre accade nell'ultimo atto di ogni assetto che va in archivio, l'ultima disperata carta della “mission impossible”, la ricomposizione della fantomatica “area moderata”. E mentre lo leggevamo ne ricavavamo solo la conferma della disperazione totale di cui sarebbero preda i vertici massimi del Pdl. «Io ci sto lavorando», avrebbe ammesso Berlusconi, «ma non è me bensì Casini che dovete convincere», confermando questo stato d'animo. Rilanciare in questo modo non significa altro che far finta di niente e non rendersi conto delle accelerazioni che la politica italiana ha avuto nell'ultimo anno e mezzo.

Non è infatti con la logica del 1994 o del 2001 – quella di mettere insieme tutti gli spezzoni d'apparato che è possibile – per evitare la vittoria elettorale del centrosinistra e spacciare questa armata Brancaleone come la coalizione dei moderati. No, quel modello, quella prassi, quella visione della politica è ormai tramontata nel momento stesso del fallimento dell'ultimo governo Berlusconi – quello che cercava di tirare a campare acquisendo via via in parlamento i deputati utili a reggere la maggioranza – e con l'avvento del governo di emergenza nazionale.

Nessuno può adesso illudersi di un ritorno al bipolarismo 1994-2008, quello di centrodestra contro centrosinistra. Adesso l'emergenza è quella di costruire un soggetto plurale e in grado di ereditare spezzoni importanti delle forze sociali e culturali che sorreggono il governo Monti col fine dichiarato di mettere insieme il meglio della classe dirigente italiana e portarla ad affrontare seriamente il superamento della crisi e la costruzione di un futuro (e di uno sviluppo) possibile.

Pensare di non vedere quello che è accaduto e far finta di niente e, anche peggio,  arrivare a ipotizzare la vittoria di un centrodestra ripulito attraverso la strategia del lifting nel 2013 e magari, come fecero quelli del Caf nel 1992, assegnare già le caselle istituzionali prossime (tipo, Casini premier e Berlusconi al Quirinale), significa solo aver perso completamente le antenne con la società e con le aspettative dei cittadini.

Sia nel 1992 che nel 1994 tutto quello che si mosse in questa direzione – la ripresa del pentapartito prima, la ricomposizione moderata con Segni o Martinazzoli, poi – non riuscirono neanche ad avanzare d'un passo. Non c'è proprio spazio, insomma, per un progetto che metta insieme Alfano, Casini, Pisanu e magari Maroni e Fini e che si contrapponga al centrosinistra. E poi: ma li leggono i giornali e, soprattutto, quello che Gianfranco Fini sta sostenendo da mesi, i dirigenti del Pdl? Lo hanno capito o no che la prossima partita non è tra presunti moderati – ma erano moderati Bossi, La Russa o la Santanchè – e presunti comunisti ma tra un fronte democratico, riformatore, innovatore oltre centro, destra e sinistra e i residui della vecchia impostazione pseudo-ideologica, propagandistica e populista? L'impressione è che non lo facciano, così come – ci appare – i pidiellini non sembrerebbero parlare con la gente comune, non si confrontano con i cittadini, e soprattutto non intendono rassegnarsi alla loro inevitabile uscita di scena.

Pubblicato su www.futuroeliberta.it



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi