Sat04192014

Back Il commento il commento Muore la politica
che confonde
la polis
con la “roba”
privata

Muore la politica
che confonde
la polis
con la “roba”
privata

alt

Al di là della cronaca nera, la soap opera in salsa Foxcrime della famiglia Bossi rappresenta una sorta di suggello conclusivo dell’era berlusconiana della politica italiana, un’era in cui la cosa pubblica si è trasformata in roba privata. È inutile girarci attorno. Ed è anche inutile derubricare il tutto a un malaffare limitato a un solo partito, a una sola famiglia. Sarebbe troppo comodo. E troppo semplice. È tutta la Seconda Repubblica che è nata e cresciuta attorno all’idea che i partiti fossero sostanzialmente strutture adibite a difendere interessi privati. Il bene comune non esiste, esiste solo un particolare declinato in forme diverse ma equivalenti.

E così i partiti hanno cominciato a schierarsi a prescindere da ciò che è giusto o sbagliato per il bene del paese, ma curandosi solo di rappresentare una parte del tutto: un pezzo di elettorato, un’azienda, un sindacato, una categoria, un apparato, una burocrazia, un gruppo di potere, una famiglia, un individuo.

Il declino è stato graduale ma inesorabile. E così la politica ha via via perso ogni caratteristica altruistica per parlare solo il linguaggio egoistico di quel che conviene a gruppi sempre più ristretti. Ha continuato a chiamarsi politica ma in realtà non aveva e non ha più nulla dell’arte di occuparsi (e preoccuparsi) della polis.

Prova provata di tutto questo sono proprio le ultime vicende giudiziarie che coinvolgono cosiddetti politici: nessuno ruba più per il partito, tutti rubano per se stessi. D’altra parte, se la politica è difesa d’interessi privati, è normale che alla fine qualcuno pensi che non ci sia nulla di male a tenersi qualcosa per sé, è normale pensare che i soldi pubblici in fondo possono essere utilizzati per i propri affari. Tutto diventa legittimo quando la politica non è più quella che dice di essere.



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi