Mon09222014

Back Lettere al direttore

Lettere al direttore

Scrivi a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Strana la vita

di Sem Benelli

Sono nato e cresciuto in una famiglia culturalmente e politicamente di sinistra, impegnata, così come si addiceva ad una sorta di "aristocrazia del lavoro", nel partito e nel sindacato. Educato alla tolleranza, all'esercizio della critica, alla solidarietà come valore centrale dell'esistenza, l'etica e la dignità del lavoro le ho imparate insieme ai Puffi praticamente, condendo il tutto con Daltanius come combattente per la giustizia e la libertà. Attorno ai quattordici anni sono andato alla mia prima manifestazione, ho comprato la mia prima kefiah e mi sono sentito tanto di sinistra, nascondendo Cuore nello zaino e bruciando a tappeto tutte tappe di una militanza politica d'altri tempi:

Legalitè Fraternitè Berlusconitè

di Michaela Pedemonte

Una legalità frantumata, una fraternità deteriorata e una berlusconianità con la relativa impunità sempre ben garantita. Il solito insomma verrebbe da dire, eh si , peccato che a causa dell'ennesima legge ad personam, stavolta ci siano sia le vite di persone in ballo ,così come la memoria di chi ha subito e di chi ovviamente chiede giustizia.
Tutto per salvare quel 0,02 % dentro al quale vi sono dei processini niente male. Oltre agli arci noti vantaggi per il Presidente ci saranno anche gravi conseguenze sui processi ecco alcuni esempi :

È fondamentale non smettere di sognare

di Francesco Onorato

È fondamentale non smettere mai di sognare, soprattutto a vent’anni; è fondamentale dire sempre ciò che si pensa, senza però essere velleitari ed egoisti, ma puntando sempre al bene comune, ad un progetto che sta un gradino più in alto della voglia di affermazione personale. E’ fondamentalista, invece, pensare che il capo abbia ragione sol perché è capo; il capo ha ragione in quanto – e quando – è sintesi, non quando usa la base e i suoi fidati per appoggiare su di loro la sua tracotante brama di supremazia.

Voglio un Paese diverso

di Filippo Marsella

Un Paese che non scommette su noi giovani è un Paese fermo, che ristagna nel presente, che non ha futuro. Un Paese che non dà le stesse uguali opportunità a tutti i giovani, siano essi di Bolzano o di Ragusa, per poter esaltare i propri talenti, è un Paese ingiusto, sordo, bloccato. Voglio vivere in un Paese dove le aspirazioni di un giovane non siano miseramente rivolte alla volontà di far carriera e successo in modo istantaneo, effimero, senza sacrifici, con la presunzione di avere sempre denaro facile in tasca.

I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi