Fri12192014

Back Lettere al direttore Lasciamo a casa le vecchie appartenenze

Lasciamo a casa le vecchie appartenenze

Prendo la penna e dico francamente: da ex militante (non dirò di dove) ci sto, lascio volentieri a casa i ferri del mestiere e aderisco anima e core al nuovo progetto per l’Italia. Chiamiamolo Polo della Nazione, o Partito futurista, poco importa. Quello che conta è lo spirito e le azioni. Innanzitutto convergo sulla comune utilità del percorso politico. Il paese è come una grande comunità bombardata negli anni dall’interno (guerra civile) e dall’esterno (tentativi di invasioni straniere). Per questo occorre fare squadra, costi quel che costi. Quindi va bene non interrogarsi sulla provenienza dei compagni di viaggio, come più volte dalle vostre colonne avete invitato. Va bene anche non avere pregiudizi su nuove scommesse e nuove alchimie. Non ho riserve, soprattutto in occasione delle elezioni amministrative, ad aderire convintamente a un progetto che metta la città al centro, quindi con un nome spendibile e serio da candidare a primo cittadino. Ma, mi sia concesso, almeno con il comune denominatore di tre elementi basilari: la non candidabilità di condannati (ed il Parlamento ce ne sono), la priorità a facce nuove, il prerequisito che mettano on line averi e “carte di identità”. Il primo a dire una cosa del genere, quel galantuomo dell’ex ministro Padoa Schioppa, fu bersagliato dalla solita stampa sciatta. Ma che lo facciano tutti e per davvero, che a esibire serietà non siano chiamati solo i commercianti che devono emettere lo scontrino. Ma anche altri quelli che sfruttano i giovani per poi non fargli un contratto, o quelli che prendono migliaia di euro per editare il mensile dei cavalli o di Lavitola.
Giuditta Mannarini



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi