Sat07262014

Quei passatisti

Catastrofe giapponese a parte, non riesco a capire perché in Italia, dove abbiamo avuto la fortuna di saltare una tecnologia energetica ormai vecchia - e tutt'altro che futurista - come il nucleare, invece di rivendicare in questi giorni la giustezza delle nostre scelte c'è qualcuno che da passatista cerca di rilanciare un ritorno al nucleare che praticamente non avrebbe senso. Io credo che da futuristi dobbiamo puntare a quella modernità con l'anima, a quella tecnologia che si coniuga (anche) con la spiritualità e con l'idea di qualità - sì, quella teorizzata da Robert Pirsig nel libro cult "Lo Zen e l'arte della manutenzione della motocicletta" - che sta dietro nelle energie ricconovabili e pulite. D'altronde è un fisico come il premio Nobel Carlo Rubbia, massimo esperto mondiale di questioni attinenti all'energia, a dire: «Non esiste un nucleare sicuro. O a bassa produzione di scorie. Esiste un calcolo delle probabilità, per cui un incidente nucleare è sempre possibile». Secondo lo scienziato non possiamo infatti continuare a elaborare piani energetici sulla base di previsioni sbagliate che rischiano di portarci fuori strada. In ballo c'è anche l'uranio, il combustibile necessario all'energia nucleare: «Non solo il petrolio e gli altri combustibili fossili sono in via di esaurimento, ma anche l'uranio è destinato a scarseggiare...». Detto questo, tutto il resto salta: «Quando è stato costruito - si chiede Rubbia - l'ultimo reattore nucleare in America? Nel 1979, trent'anni fa! E quanto conta il nucleare nella produzione energetica francese? Il 20 per cento. Ricordiamoci che per costruire una centrale occorrono 8-10 anni di lavoro e che la tecnologia si basa su un combustibile, l'uranio, appunto. E poi resta, in tutto il mondo, il problema delle scorie...». Insomma, se la scienza punta sul solare, perché puntare su battaglie di retroguardia? Il dilemma lo spiega lo stesso Rubbia: «Il sole non è soggetto ai monopoli. E non si paga la bolletta. E questa sarebbe una grande opportunità per l'Italia: se non lo faremo noi - conclude lo scienziato - molto presto lo faranno gli americani, com'è accaduto per il computer 20 anni fa!». Capito, amici reazionari? Gli impianti nucleari che qualcuno vuole introdurre, a parte che comincerebbero a funzionare tra una ventina d'anni, ma forse sono solo funzionali agli interessi di chi li vuole costruire. Il sospetto è legittimo.



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi