Thu11272014

Back BLOG Marco Brando - Cose volanti Super Mario, grazie a lui (forse) saremo meno razzisti

Super Mario, grazie a lui (forse) saremo meno razzisti

alt

Non capisco una cippa di calcio. E Mario Balotelli non è esattamente, prestazioni sportive a parte, il figlio che vorrei (parlo del temperamento, sia chiaro). Però il nostro strano Paese si distingue spesso per i pregiudizi nei confronti degli esseri umani "diversi" dal nostro pallido modello immaginario. E a volte facciamo di peggio... Basti pensare alla "caccia ai negri" capitata in Calabria poco più di un anno fa (solo perché pretendevano di non essere trattati da schiavi, pagati pochi centesimi per raccogliere le arance, magari con la benedizione della 'ndrangheta) o alle definizioni degne del Ku Klux Klan usate spesso da autorevoli esponenti leghisti.

In questa occasione (...miracoli del nostro occasionale patriottismo, spesso in salsa calcistica ...) però tutti gli italiani non hanno fatto caso al colore della pelle di quel ragazzone con l'accento bresciano. E fa emozionare l'abbraccio, dopo i gol, nei confronti della mamma adottiva. Un abbraccio in cui siamo ritrovati tutti, compreso un agnostico del pallone come me. Ma è davvero necessario che un giovane "nero" faccia due gol in Nazionale per farsi considerare "uno come noi"? Io spero che questa impresa segni un cambiamento, anche piccolo, di rotta per noi italiani "pallidi". Quell'italiano "colorito" deve indurci a rispettare tutti gli altri, intra ed extra-comunitari, col patentino tricolore oppure no. Anche se vendono solo collanine sulla spiaggia. Certo, devono rispettare la legge: come gli italiani, che notoriamente non sono campioni di legalità. E questo dev'essere l'unico criterio di giudizio.

Ecco, mi auguro che l'impresa di Balotelli possa contribuire a farci diventare un Paese più civile. Finalmente consapevole del fatto non c’è niente di male ad avere un’identità composta di tante identità, anche contrapposte. Però si deve fare attenzione. La nostra è un’Italia in cui i concetti di "identità" e di "radici" vengono spesso manipolati, inventati, distorti. Si finisce per usare l’identità non come un elemento di auto consapevolezza e di maturità, ma come una mazza da usare contro gli altri. Miti contrapposti a miti, identità schierate contro identità, persino uno pseudo-Medioevo che divide pezzi di Italia. Con la storia manipolata in maniera spregiudicata. Insomma, più che di identità è molto meglio parlare di un "patrimonio di diversità". Di una storia fatta di territori diversi e diverse tradizioni. Guai a costruire confini e steccati. Dobbiamo sentirci Super Mario, che abbraccia quella donna così... "diversa" da lui, ma così - universalmente - mamma. Di tutti.



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi