Sat08022014

Back BLOG Massimo Carletti - Guido Keller Con la celtica in difesa di Papi

Con la celtica in difesa di Papi

alt

Lunedì 11 aprile. Tribunale di Milano. All'interno, in aula, il presidente del consiglio Silvio Berlusconi tiene il suo personalissimo show, prendedosi le reprimende del Pm. All'esterno, antistante il palazzo stesso, un altro spettacolo non da meno allieta la primaverile giornata meneghina. Nel fior fiore della pensione, centinaia di supporters del vecchio satiro scandiscono slogans, srotolano striscioni e si reggono l'un l'altro. Sul palchetto improvvisato, ogni tanto, qualche supporter più supporter degli altri dal microfono lancia anatemi contro la giustizia ingiusta e la magistratura sempre più rossa. Parlamentari, consiglieri regionali, proviciali e comunali. Tutti schierati come un sol uomo, e con il petto a far da scudo alle bestemmie immonde verso il caro leader, estratte dagli odiati libri apocrifi: il codice penale e quello civile. Una falange di uomini in giacca e cravatta. Tranne uno, in camici aperta sul collo e a mostrar con orgoglio catenina e relativo ciondolo. E' Antonio Pasquini, consigliere comunale di Lecco, ed il ciondolo che porta fieramente è una croce celtica d'oro. Lui è un ex An e ci tiene a farlo sapere. Quel simbolo, a mio parere – personalmente ne ho sempre preferiti altri - dai connotati un pò troppo religiosi, rappresenta un'esperienza di vita per migliaia di persone, di ex giovani passati per periodi forse un pò più turbolenti ma con una valenza etica sicuramente superiore all'attuale. Un simbolo che in qualche caso ha visto scorrere anche il sangue di chi lo indossava, la cui unica colpa era quella di avere un'opinione e dei sogni diversi da quelli dominanti. Un simbolo pertanto, per certi versi importante e al quale il consigliere Antonio Pasquini in qualche modo evidentemente s'ispira. E proprio perchè ci si augura capisca il senso e la portata di ciò che porta al collo, non si capisce come possa metterlo alla berlina offrendolo ad una platea e ad una situazione che avrebbe scatenato ben altri istinti a quegli ex-ragazzi dei decenni passati, rimasti ragazzi dentro e con i sogni e la dignità ancora intatti. Con la celtica in difesa di Papi quindi, delle false fatturazioni, delle corruzioni, del bunga bunga e delle nomine politiche sancite sui materassi. Non è una bella cosa. E al consigliere Antonio Pasquini chiediamo di toglierlo quel ciondolo e di riporlo gelosamente in un cassetto a ricordo di quei tempi che non gli appartengono più. Perchè la politica non può essere sempre un scherzo, una barzelletta, una battuta alla Woody Allen, attore al quale il Pasquini disse d'ispirarsi quando decise di usare l'ironia per parlare della "tragedia dell'olocauso"; sulla sua pagina facebook mise la frase "Ebrei adolescenti: gioventù bruciata", con corredo di foto di bimbi ebrei dietro una recinzione. Purtroppo non molti lo capirono, tirandosi addosso, tra l'altro, anche gli strali dei negazionisti/revisionisti. E poi Woody Allen non è che faccia poi così ridere. Non almeno quanto il presidente barzelettiere che con la sua croce celtica il Pasquini valorosamente difende.
E' proprio il caso di dirlo: meno male che silvio c'è. E che tutti questi stiano con lui.
 



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi