Mon09222014

Il patto

alt

A quelli che scrivono ancora che il denaro in politica non conta (lo ha fatto in questi giorni Libero, per esempio), bisognerebbe chiedere di commentare la leggenda, che forse leggenda non è, ripresa recentemente da Gilberto Oneto, leghista della prima ora ed attualmente ex. Oneto dice che nella Lega lo sanno tutti: ci sarebbe un patto sottoscritto dal notaio fra Umberto Bossi e Silvio Berlusconi. Data: 2001. Secondo quel patto, in cambio di un bel po' di quattrini per sanare i debiti della Lega e alcune querele di Berlusconi alla Padania (quando la Padania gli dava del mafioso, altri tempi), i due avrebbero stipulato un accordo scritto. Che blinda l'alleanza politica fra i due leader. Altro che voti di fiducia. Tutto nero su bianco su carta extra-lusso goffrata. Qualcuno dice che addirittura il logo con lo spadone della Lega Nord sarebbe ora di Berlusconi. Pensa se fosse vero. Chi glielo dice, a quelli del pratone di Pontida, che il venerato simbolo non è che una vestigia in comodato d'uso?

La leggenda gira da molto. Stranamente non la si sente mai verificare con i diretti interessati in tv. O magari sono sfuggite a noi le risposte, tra un biascichìo di Bossi e un autoelogio del miglior presidente del Milan degli ultimi 150 anni. Se però la leggenda fosse vera (se non abbiamo conferme, non abbiamo però nemmeno smentite), torneremmo al punto cruciale, quello da cui tutto è iniziato: i soldi.

Perché hai voglia dire che i soldi non c'entrano niente e che Berlusconi ha (aveva) un forte legame carismatico con il suo popolo. E con uomini del popolo come Bisignani, naturalmente. Be', analisti come Luca Ricolfi hanno, numeri alla mano, sottolineato come in realtà Berlusconi maggioranza non sia mai stato, perché il suo partito non ha mai intercettato più del 20% degli aventi diritto. E che, sempre dati alla mano, se ancora "non c'è alternativa" a questo governo, è prima di tutto per l'ormai autolesionistica (quanto a consenso) costanza della Lega, che dopo averlo disarcionato nel lontano '94, dal 2001 si è dimostrata la vera assicurazione sulla vita del Cavalcatore di Veline.
 
Ora, però: un conto è che l'alleanza sia politica. Che sia cioè il frutto, benché per oltre metà italiani marcio, di comunanza di valori e di (tele)visioni. Un conto che sia solo una questione di interessi privati, sanciti da un simil-contratto e che nulla hanno a che fare con l'interesse comune. Se questo accordo esiste. E se sono stati sborsati dei milioni sonanti. E se è in virtù di questi milioni sonanti scambiati (legittimamente) fra due privati cittadini, che un governo di una nazione occidentale si regge, ecco, allora la dimensione politica di un tale governo muta. Radicalmente.
 
Governo privato basato su interessi privati. Occultati, per gestire a piacimento beni pubblici. Magari quelli di Libero potrebbero farci un'inchiesta. O Ferrara una puntata di Radio Londra. Amiamo il suono delle unghie ben scricchiolanti sullo specchio.
 
 


I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi