Fri04182014

Back BLOG Maurizio Boscarol - Esercizi digitali Molotov islamiche per Charlie Hebdo

Molotov islamiche per Charlie Hebdo

alt
alt
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Uno dei miei giornali satirici di riferimento, Charlie Hebdo, è stato vittima di un attentato nella notte fra il 1 e il 2 novembre. Una molotov è stata lanciata verso la sede parigina del settimanale, distruggendo a quanto pare le attrezzature. Contestualmente, il sito è stato piratato ed è attualmente inaccessibile.
La ragione: l’annunciato numero odierno dedicato alla decisione libica di fondare il diritto di quel paese sulla Sharia, la legge islamica. Una cosa che non ha entusiasmato neanche noi. Applicando le semplici regole della satira, che evidentemente da qualche parte danno ancora fastidio, il settimanale è stato “diretto per un numero da Maometto”, e trasformato in “Charia Hebdo”. All’interno, varie rubriche adattate parodisticamente per rispecchiare il punto di vista islamico. Nella copertina, che ripubblico qui a fianco, il grande Luz disegna un Maometto con un copricapo vagamente a forma di glande che allegramente proclama: “100 frustate se non siete morti dalle risate”.
Satira pura e semplice: siamo abituati a dire ben di peggio della religione cattolica senza che questo dia vita a nient’altro che a qualche dibattito, che magari ci fa anche bene. Evidentemente, la libertà di espressione non si applica in egual misura a tutte le religioni. Giova tenerlo presente. Ovviamente, si tratta del gesto di un piccolo gruppo, che non va generalizzato né considerato rappresentativo della maggioranza dei musulmani. La discussione però si pone: non mi risulta che simili gruppi propensi a compiere gesti violenti si attivino nel caso delle prese in giro ai mormoni, agli induisti, agli animisti, ai cattolici, agli ortodossi, ai buddisti, agli scintoisti. Perché? Charlie Hebdo era già finito nell’occhio del ciclone (e il suo allora direttore Philippe Val sotto processo, finito con l’assoluzione) nel 2006 per aver ripubblicato le famose vignette danesi su Maometto. Altro episodio, quello, che non pare avere equivalenti per simili prese in giro riguardanti altre religioni.In bocca al lupo alla redazione di Charlie Hebdo, ma in bocca al lupo soprattutto alla libertà di espressione: che non è soltanto un diritto cui siamo abituati. È anche una cartina di tornasole che ci aiuta a capire dove abbiamo un potenziale problema.
 



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi