Sun12212014

Back POLITICA Attualità Brindisi, è caccia al folle autore dell’attentato
E le piazze italiane hanno dato una lezione di patriottismo

Brindisi, è caccia al folle autore dell’attentato
E le piazze italiane hanno dato una lezione di patriottismo

alt

Mentre il paese ricordava la piccola Melissa Bassi, caduta nell’attentato alla scuola “Morvillo-Falcone” di Brindisi, le indagini degli inquirenti hanno cominciato a escludere la pista mafiosa. I rilievi hanno portato polizia e procura verso l’azione terroristica. Già nella tarda serata di ieri si è appreso che due persone sono state sottoposte a interrogatori e verifiche da parte degli investigatori della Digos e della Squadra mobile della questura di Brindisi. Si tratta di soggetti identificati attraverso le registrazioni di una videocamera di sorveglianza, dei quali si stava approfondendo la posizione. Uno di questi è ex militare di professione, esperto di elettronica e parenti con rivendita di bombole di Gpl per uso domestico. Identificazione possibile grazie a telecamere situate nei pressi dell’istituto. Nulla si sa su motivazioni e scelta dell’obiettivo. Poi, qualche ora dopo, gli inquirenti cominciano a parlare di un solo uomo, il probabile attentatore del quale ci sarebbe anche l'identikit. Ignota la nazionalità, forse italiano, dicono; è rimasto lì a guardare, dopo aver azionato il telecomando che ha scatenato l'inferno.

Una scelta folle, ha urlato il paese che ieri si è ritrovato in piazza spontaneamente. I social network hanno veicolato l’invito a non rimanere muti, inermi. Invito immediatamente raccolto. Era una bella Italia quella che a Roma ha gremito la piazza del Pantheon. Manifestazioni ad altissima presenza in quasi tutte le città e i paesi italiani, molto spesso davanti a una scuola. Tutti a esprimere dissenso e rabbia verso un attacco alla vita così infame. “Adesso ammazzateci tutti”, c’era scritto su uno striscione portato in strada da giovanissimi brindisini.

L’Italia ha reagito, dunque, dando una lezione alla classe politica percepita divisa davanti alle grandi sfide del paese. E tra queste anche la lotta alla criminalità organizzata, le necessità di un popolo convinto della necessità di cambiare lasciandosi alle spalle divisioni e impostazioni ideologiche. In alcuni casi è stata proprio la politica a inquinare la partecipazione collettiva di ieri. Bandiere di partiti e sindacati sono apparse, soprattutto a Roma, raccogliendo il disappunto di chi, in quel momento, si sentiva “semplicemente” italiano.



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi