Fri08012014

Back POLITICA Primo piano I Bossi a scuola
dal Cavaliere:
«Colpa dei giudici
di Roma padrona»

I Bossi a scuola
dal Cavaliere:
«Colpa dei giudici
di Roma padrona»

alt

Tra militanti che gli chiedevano di restare ed elettori disgustati che ne chiedevano la testa Umberto Bossi ha gettato la spugna, almeno per ora. Dichiara, cioè, di non aver deciso se ricandidarsi alle politiche del 2013. Temporanea o definitiva che sia, l’uscita di scena sembra un déjà vu, almeno nel lessico e nelle argomentazioni e ricalca perfettamente l’asse tra il Carroccio e il Pdl. I due leader, alla fine, parlano allo stesso modo: tutta colpa delle toghe.

Perché, sostiene Bossi, l’inchiesta giudiziaria dipende dal fatto che «la Lega è pericolosa perché è sotto l'occhio non solo di Roma farabutta che ci ha dato questo tipo di magistrati». Su questo viene alla mente l’idea lanciata qualche anno fa dal Carroccio, e cioè l’elezione popolare dei giudici. «Il nord vuole magistrati del nord», urlavano i rappresentanti leghisti in Parlamento. Ora si è capito il perché. Insomma, secondo il dimissionario la bufera sulla «sa tanto di organizzato» perché «noi siamo nemici di Roma padrona e ladrona, dell'Italia, uno Stato che non riuscirà mai a essere democratico».

Mentre il figlio politico oggi non parla a prendere la parola è il primogenito del Senatùr. Riccardo Bossi esclude di aver preso soldi da Francesco Belsito (l’ex tesoriere del partito). E ribadendo anch’egli l’estraneità del padre dalla vicenda, gli dà man forte sulle ragioni dell’inchiesta delle procure di Milano, Napoli e Reggio Calabria: «Complotto della magistratura? Sì, quello sì. È  evidente l'attacco dei giudici nei confronti della Lega, l'unico movimento che è fuori dal potere e all'opposizione». Per poi allargare lo spettro del complotto anti leghista: «La Lega non piace all'Europa e al pensiero politico europeo». Sembra Borghezio ma è ancora Riccardo Bossi.

E intanto le rivelazioni aumentano. Dalla passione per la magia nera della signora Bossi alle case del Trota, dalla laurea di Rosi Mauro alle Porsche in leasing. Difficile credere che la bufera possa passare presto. E il sondaggio de La 7 segnala già un calo di più di un punto percentuale per la Lega. «Dobbiamo tornare tra la gente», dice Roberto Cota. Forse meglio di no, vista l'aria che tira.



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi