Tue09022014

Back POLITICA Primo piano Il grande bluff
della Lega:
tornano Bossi
e «Padania libera»

Il grande bluff
della Lega:
tornano Bossi
e «Padania libera»

alt

«Secondo me non ha rubato nessuno, non vedo ladri ma qualche errore». Comincia così l’autodifesa di Umberto Bossi che ha parlato ai militanti leghisti durante il “Lega unita day” a Zanica, in provincia di Bergamo. E secondo il Senatùr uno degli errori è stata la vicinanza di un amministratore (l’ex tesoriere Francesco Belsito) alla ‘ndrangheta. Insomma, il Carroccio cerca di voltare pagina a pochi giorni dalle amministrative mentre i sondaggi la danno in calo di diversi punti. «La Lega deve mostrarsi unita», aggiunge.

Tutto torna come prima, insomma, con l’annuncio di una probabile ricandidatura di Bossi alla segreteria nazionale. E il resto della dirigenza sembra d’accordo, il triumvirato di transizione vede questa come la scelta più strategica che il partito possa fare. Anche Roberto Castelli spiega che «la Lega ha bisogno di Bossi ancora per molto», a dimostrazione dell’impossibilità pratica e politica di cambiare. L’epurazione è già conclusa, era sufficiente mostrare al popolo padano la testa di qualcuno. Anzi, rilancia Roberto Maroni, ciò che è accaduto ha rafforzato il movimento: «Dopo tutto quello che è successo la nostra intenzione è di mostrare una Lega compatta e unita, anzi proprio quello che è successo la ha ricompattata».

E riappare la Lega di sempre, con spintoni e insulti all’indirizzo dei cronisti che seguivano l’evento, accuse di «fascismo» al governo con tanto di promessa di liberare la Padania e teoria del complotto spiegata direttamente da Bossi secondo il quale il Carroccio «è stato attaccato dal centralismo romano, farabutto e canaglia». Spazio anche alle proposte demagogiche di sempre, come l’annunciata battaglia per la cancellazione dell’Imu attraverso la giornata dell’obiezione fiscale.



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi