Tue10212014

Back POLITICA Politica Il progetto di B.? Una seduta spiritica
«Basta Pdl, voglio rifare Forza Italia»

Il progetto di B.? Una seduta spiritica
«Basta Pdl, voglio rifare Forza Italia»

alt
alt
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

E così, alla fine, il cerchio si chiude. Come previsto da alcune Cassandre, il rinnovamento del centrodestra è destinato a rimanere un’utopia fin quando quel campo sarà occupato “militarmente” da Silvio Berlusconi e dai suoi interessi. Un’utopia come la federazione dei moderati da costruire con gli eredi del Cav, come la “formattazione” del Pdl, come la leadership “innovativa” di Angelino Alfano, come la “deberlusconizzazione” del partito di Berlusconi.

Il quale non solo torna in campo come candidato premier e capo indiscusso della sua forza politica. Ma annuncia anche che, a suggellare la sua sesta discesa in campo, ci sarà il tanto annunciato cambio di nome del Pdl: ritornerà - annuncia l’ex premier alla Bild, in un’intervista che uscirà domani - la tanto amata “Forza Italia”.

Berlusconi parla anche - e non poteva essere altrimenti - di giustizia (denunciando, a proposito del bunga bunga, la «campagna di diffamazione da parte della magistratura, che in parte è di sinistra»), rivela dettagli sul suo rapporto con Putin («mi vede un pò come suo fratello maggiore, insieme parliamo di tutto») rievoca il suo governo («se noi abbiamo di nuovo sotto controllo il nostro bilancio statale è in gran parte grazie al mio esecutivo») e rivendica il suo ruolo storico («la mia discesa in campo 18 anni fa ha salvato l'Italia dal comunismo»).

Ma la vera notizia destinata a deflagrare tra le mura del Pdl, ovviamente, è quella del ritorno al passato, della seduta spiritica, del salto indietro di diciotto anni, simbolo e sintomo di un paese incastrato in un limbo temporale.

Si attendono le reazioni degli ex colonnelli, da mesi impegnati a minacciare la scissione, qualora si “rifacesse Forza Italia”. Eccoli serviti. E non è un caso che da mesi si stia lavorando sotto traccia per la ricostruzione di un’area di destra, magari con un occhio ai successi di Marine Le Pen.

Una prospettiva che permetterebbe, all’esperienza cosiddetta “finiana”, di chiudere definitivamente i rapporti sia con il berlusconismo che con la destra di La Russa e Gasparri. Un buon risultato, con la possibilità di costruire per davvero qualcosa di nuovo, guardando al futuro e all’Italia migliore. 

e dai suoi interessi. Un

e dai suoi interessi. Un



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi