Sat04192014

Back POLITICA Politica Monti: «Crescita e giù la spesa»
E la maggioranza chiede meno tasse

Monti: «Crescita e giù la spesa»
E la maggioranza chiede meno tasse

alt
alt
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

La parola d'ordine ormai è crescita. E lo stesso Mario Monti oggi l'ha pronunciata a più riprese, così come l'hanno scritta i partiti che sostengono il governo nella risoluzione congiunta sul Documento di economia e finanza (Def). Per tutti è un'urgenza, ma sulle ricette si sta ancora lavorando.

L'Italia è «profondamente impegnata» nel consolidamento dei conti pubblici e nelle riforme strutturali, ha detto il premier nel suo intervento all'European business summit a Bruxelles. «Il nostro governo – ha aggiunto –  è stato anche fra i primi a sottolineare l'urgenza di mettere al centro dell'agenda europea il tema della crescita. E il presidente del consiglio ha rivendicato di avere convinto i partner europei a muoversi in questa direzione.

Monti, però, non è voluto scendere nel dettaglio sulle possibili soluzioni. «Non è ancora il momento di ricette specifiche», ha spiegato parlando di una possibile revisione del patto di stabilità, «stiamo lavorando in stretto contatto con la Germania a varie ipotesi». Di sicuro il premier ha bocciato ogni ipotesi di misure keynesiane e chiarito che non c'è all'ordine del giorno una revisione del fiscal compact, anche se la vittoria in Francia di François Hollande, grande critico del trattato, potrebbe mutare lo scenario.

Anche dalla maggioranza è arrivata oggi al governo, in calo di consensi nei sondaggi, una richiesta pressante di orientare l'azione su politiche per la crescita fin da subito, con il Def. «La priorità dell'azione del governo e del parlamento non può essere, da questo momento in avanti, che la crescita dell'economia nazionale», si legge nella risoluzione sul Def che sarà messa ai voti alla camera. Pdl, Pd e Terzo polo hanno chiesto di alleggerire intanto il carico fiscale. È «urgente avviare una sistematica attività di revisione della spesa pubblica (la cosiddetta spending review, ndr)». Le risorse derivanti dai risparmi e dall'evasione fiscale «devono essere prioritariamente destinate, fermo restando l'obiettivo del pareggio di bilancio, alla riduzione della pressione fiscale sui redditi da lavoro e da impresa», si sottolinea nella risoluzione.



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi