Sat08302014

Back POLITICA Primo piano Rai, c'è il Cda
Ma a contare
sono sempre
gli interessi di B.

Rai, c'è il Cda
Ma a contare
sono sempre
gli interessi di B.

alt

La minaccia di commissariamento di Mario Monti ha sbloccato le nomine del consiglio di amministrazione della Rai e l’arrivo di Pasquale Viespoli in commissione ha creato ulteriori grovigli politici. La commissione di Vigilanza Rai ha finalmente eletto i sette membri del Cda di sua competenza, ma le polemiche su tempi e modi restano. I nuovi consiglieri di viale Mazzini sono: Antonio Verro, Antonio Pilati, Luisa Todini, Guglielmo Rositani, Gherardo Colombo, Benedetta Tobagi, e Rodolfo De Laurentis. Non c'è l'ha fatta, invece, l'outsider Flavia Nardelli Piccoli sostenuta dai membri di area Terzo polo.

A ben leggere i nomi, si capisce che gli equilibri del vecchio Cda sono stati ricalcati: quattro sono infatti i consiglieri in quota Pdl-Lega (Verro, Rositani, Pilati e Todini), due quelli del Pd (Tobagi e Colombo) e uno per l'Udc (De Laurentis). Eppure, al di là dell'elezione, a far discutere è per forza di cose l'avvicendamento del pidiellino Paolo Amato con Viespoli. La decisione di ieri di Schifani è stata contestata, in apertura di seduta della Vigilanza, da esponenti del Pd e dell'Idv.

E le dichiarazioni di Viespoli confermano i commenti negativi di chi, anche in questa occasione, ha voluto sottolineare il continuo conflitto di interessi di cui è portatore il Pdl. Viespoli, difatti, ha annunciato di aver votato per Luisa Todini, «donna, esperta politica e manager, quindi candidata d'equilibrio». E anche il nuovo arrivato in commissione difende Schifani: «Per quanto riguarda la mia nomina - ha spiegato - ho scritto reiteratamente a entrambi presidenti delle Camere per sottolineare la mancata rappresentanza del mio gruppo in commissione di vigilanza». Resta comunque evidente la manovra di ieri stimolata da Maurizio Gasparri.

Il prossimo appuntamento della Vigilanza sarà con la elezione del presidente indicato dal premier Mario Monti, Anna Maria Tarantola, insieme al direttore generale Luigi Gubitosi. Una partita ancora tutta da giocare come confermano le esternazioni di Alessio Butti che del Pdl è capogruppo in Vigilanza: «Non è questo il momento delle analisi politiche perché se lo fosse ci sarebbe da chiedere qualche chiarimento in ordine all'irrituale indicazione del probabile direttore generale avanzata direttamente dal governo».

Stando così le cose, con una Rai perennemente ostaggio della volontà spartitoria dei partiti, riprende vigore la proposta di privatizzazione, l'unica che garantirebbe una gestione efficiente e al passo con i tempi. A rilanciare la proposta è Benedetto Della Vedova secondo il quale privatizzare la Rai «sarebbe sano per l'azienda, per la politica e per i contribuenti che pagano il canone e rischiano fallimento stile Alitalia».



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi