Thu04242014

Back POLITICA Economia Riforma del lavoro, in arrivo novità per i precari:
ai cocopro salario di base e indennizzo

Riforma del lavoro, in arrivo novità per i precari:
ai cocopro salario di base e indennizzo

alt

Sedici emendamenti dei relatori Maurizio Castro (Pdl) e Tiziano Treu (Pd), che vanno ad aggiungersi ai 27 del governo, e che cambiano ancora la fisionomia del ddl sulla riforma del lavoro in discussione all'undicesima commissione del Senato. Le proposte di modifica firmate da Castro e Treu riguardano sia la flessibilità in entrata sia l'articolo 18, oltre agli ammortizzatori sociali. La commissione Lavoro comincerà a votare gli emendamenti da martedì prossimo con l'obiettivo di licenziare il provvedimento per l'aula giovedì 17 maggio. Per arrivare a questo c'è l'impegno dei partiti della maggioranza a ritirare molte delle proposte e il termine per la presentazione dei subemendamenti è stato fissato per domani alle 18.

Tra le novità principali contenute negli emendamenti a firma dei relatori c'è una sorta di salario di base e una mini indennità di disoccupazione per i collaboratori a progetto. In sostanza per i lavoratori parasubordinati, come i cocopro, viene inserito il principio della giusta retribuzione calcolata sulla media tra le tariffe del lavoro autonomo e dei contratti collettivi di lavoro. Mentre per l'indennità dei parasubordinati viene rafforzata l'attuale una tantum per una fase sperimentale di tre anni, al termine della quale sarà compiuta una verifica per passare a una vera e propria mini-Aspi. Secondo quanto illustrato dai due relatori, un collaboratore a progetto che ha lavorato 6 mesi percepirà nell'anno successivo circa 6 mila euro come una tantum.

Per le partite Iva, invece, si introduce un tetto che dovrebbe permettere di discriminare quelle false da quelle vere: il limite minimo viene fissato a 18mila euro, al di sotto del quale scattano una serie di parametri da soddisfare per dimostrare di essere un vera partita Iva.

Novità anche per il cosiddetto job on call: per attivarlo infatti basterà inviare un sms alla Direzione provinciale del lavoro invece della vecchia raccomandata e in caso di cicli di lavoro basterà un solo messaggio, fino a un massimo di 30 giorni. Quanto all'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori i relatori intervengono con una modifica che elimina tra le previsioni al quale deve riferirsi il giudice quelle «della legge», ma non si spinge, come ha fatto il governo, a chiarire le ipotesi in cui il giudice è chiamato ad annullare il licenziamento, prevedendo che il fatto contestato al lavoratore dovrà rientrare nelle «tipizzazioni di giustificato motivo soggettivo e di giusta causa previste dai contratti collettivi applicabili», eliminando così la tipizzazione legale.

Giuseppe Farese



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi