Sat11292014

Back Primo piano 2 giugno, si fermi la parata: soldi e uomini in Emilia

2 giugno, si fermi la parata: soldi e uomini in Emilia

alt

Quasi tre milioni di euro ai quali vanno aggiunti i costi che gravano sul comune di Roma per il lavoro straordinario della polizia municipale e altri costi accessori. Tanto costerà la parata militare del 2 giugno, un appuntamento di riflessione sull’unità della nazione, e anche utile a riavvicinare gli italiani alle forze armate. Ma la riflessione che quest’anno si è scatenata è anche un’altra perché la sfilata di via dei Fori imperiali coincide con il dramma che ha colpito l’Emilia Romagna e le zone vicine.

Così, anche sui social network si fa forte la richiesta di un ripensamento da parte delle autorità italiane, in segno di solidarietà verso quegli italiani che hanno perso la vita a causa del terremoto. E verso chi ora è costretto a reinventarsi l'esistenza. Pesante è, difatti, anche il bilancio dei danni alla produzione che si aggiungono alle difficoltà imposte dalla crisi economica.

Una richiesta legittima, un modo diverso di onorare la patria che non andrebbe sottovalutato né letto come lontananza dai valori della coesione nazionale che, al contrario, potrebbe essere manifestata attraverso una rinuncia importante. E, magari, destinare i fondi previsti per la parata militare al soccorso delle popolazioni colpite dal sisma, senza contare che una parte degli uomini dispiegati a Roma potrebbe essere di supporto a quelli già dispiegati nelle zone terremotate.

L’idea ha trovato sponde anche nel mondo politico, seppure con toni diversi. Come la proposta di Flavia Perina che invita alla massima sobrietà, pur chiedendo che l’appuntamento annuale non venga soppresso. Contrario alla soppressione della parata si è detto il ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, che dubita sulla possibilità che una decisione del genere possa avere effetti positivi. Ma il popolo di twitter non si ferma: per quest'anno l'Italia rinunci all'evento. E da Montecitorio, in serata, il presidente della Camera Gianfranco Fini precisa - in seguito ad alcune "interpretazioni" date dalla stampa - che la proposta del Futurista non è «riconducibile al suo pensiero».



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi