Wed07302014

Back Primo piano «In arrivo misure
per la crescita»:
agosto di lavoro
per i ministri

«In arrivo misure
per la crescita»:
agosto di lavoro
per i ministri

alt

Obiettivo crescita. Mario Monti dà i compiti per le vacanze ai ministri, considerando non esaustivi i dossier illustrati durante l’ultimo consiglio dei ministri prima della sospensione estiva. Così, i ministri interessati il 24 agosto dovranno presentare, nei minimi dettagli, idee, proposte e progetti. Solo da quel momento potrà partire l’ultima fase del programma di governo.

Il contenuto dell’agenda, comunque, è noto. Ci sarà il nuovo decreto sulla crescita, il secondo atto delle semplificazioni su cui sta lavorando Corrado Passera, nuove misure per la spending review di cui si occuperà Piero Giarda, nonché l'attuazione degli strumenti già individuati per la riduzione del debito pubblico. A questo proposito, le proposte – tra loro diverse – avanzate dalla maggioranza sono orientate a sferrare un colpo duro e secco a quella massa di circa duemila miliardi, ma il governo, d'intesa con Bankitalia, ha scelto una linea più morbida. Come già annunciato giorni fa si partirà con un programma pluriennale di dismissioni per 15-20 miliardi l'anno, pari all'1 per cento del Pil.

E in tema di dismissioni dal Cdm è arrivata una notizia concreta sulla conservazione di quelle industrie ritenute strategiche, soprattutto nei settori della sicurezza nazionale e della difesa (il riferimento è a quelle realtà come Eni, Enel, Terna e Finmeccanica). È stato previsto il ricorso alla cosiddetta golden power che impedirà scalate poco gradite. La differenza rispetto agli schemi soliti è i passaggio ai poteri speciali, più di controllo che di proprietà. Ma non si esclude che da alcuni settori della maggioranza possa arrivare la richiesta di regole più rigide, per rendere meno agevole le scalate da parte di investitori esteri.

Sarà una pausa più serena per parte dell’ordine giudiziario. Il consiglio dei ministri ha difatti rivisto il piano di soppressione di tribunali e procure. Sono salve sei sedi tra quelle maggiormente impegnate nella lotta alla criminalità organizzata: nessuna chiusura per Caltagirone e Sciacca in Sicilia, Castrovillari, Lamezia Terme e Paola in Calabria e Cassino nel Lazio. E questo perché, come ha sottolineato il ministro della Giustizia, Paola Severino, nella lotta alla mafia l’esecutivo «non intende in alcun modo arretrare, nemmeno sul piano simbolico».



I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi