Sat10252014

Back Sondaggi

SONDAGGI

Giù i consensi, ma Alemanno non ci crede

Gradimento in calo per il sindaco Alemanno. Secondo un sondaggio segreto che sarebbe stato commissionato all'istituto Ipsos a marzo, alt non riscuoterebbe più la fiducia dei romani, scendendo al 44,2% dei gradimenti, rispetto a Nicola Zingaretti presidente della provincia di Roma che invece si aggiudica un buon 55,8%. Il Pdl scivola in caduta libera a distanza di un anno dal successo della tornata elettorale regionale. Il centrosinistra nelle amministrative appena trascorse, su 111 città chiamate al voto, ha conquistato ben 11 centri in più rispetto al Pdl. E le intenzioni di voto dimostrano, che se Roma andasse al voto oggi, Gianni Alemanno non confermerebbe certamente il successo del 2008, anzi, riuscirebbe a strappare a malapena un modesto 44, 2%, un risultato anche più basso rispetto a quello delle sue liste.

I sondaggi? Appassionanti, come un Mondiale di Formula 1

altBidimedia, blog di studi e proiezioni elettorali, ha raccolto e trasformato le rilevazioni prodotte dagli istituti di sondaggi in vista delle amministrative di oggi in un Gran Premio Nazionale. Le auto, associate per colore alle coalizioni, corrono nelle maggiori città delle amministrative: a Milano Manfredi Palmeri, per esempio, gareggia a bordo della McLaren, colore grigio, usato per caratterizzare il Terzo Polo, e viaggia a 5,6 Km orari; Pisapia, invece, viaggia in rossa Ferrari a una velocità di 41,4 Km, insidiando così il traguardo della Red Bull, colore blu, pilota Letizia Moratti. A Napoli, invece, la Red Bull, pilota Gianni Lettieri, va a 39,1 Km orari, la Ferrari, con Marco Morcone, non riesce a superare in curva e va a 28,4 Km, seguita da vicino da Toro Rosso, alias l'agguerrito Luigi De Magistris. La rilevazione della velocità delle corse è affidata a due grandi gruppi di diligenti e attenti analisti, i Cronometristi Fiduciosi Italiani, legati all'indotto Red Bull, ottimisti osservatori delle performance della propria auto, e l'Istituto Paritario Ragionieri, tipico tafazzista tifoso Ferrari.

Quei 40 secondi di Letizia: fatali anche per i sondaggisti del premier

altQuello che per la Moratti poteva sembrare un geniale affondo e che Berlusconi ha strategicamente cercato di avallare, per Alessandra Ghisleri, sondaggista di fiducia del premier, è stato un vero e proprio autogol. “una mossa sbagliata”, ma soprattutto, «per nulla coerente con lo stile che contraddistingue e caratterizza il personaggio di Letizia Moratti». Una buccia di banana, che in quaranta secondi, potrebbe capovolgere l'immagine di signora moderata di donna Letizia. Una scelta, questa di sparare a zero secondo la logica della macchina del fango, che ha sorpreso anche esperti di comunicazione e consiglieri fidati del sindaco uscente. Ma lei non demorde, anzi mantiene il punto.

Napolitano, il vero consenso ce l'ha lui

altNei sondaggi dell'istituto Piepoli, il gradimento espresso dagli italiani nei confronti di Giorgio Napolitano è pari all'88 per cento. Un dato che dà il polso di un 'opinione pubblica, tutt'altro che avulsa, dalla politica, che seleziona e individua molto bene nel caos generale, i suoi leader. Napolitano è uno dei presidenti della Repubblica, che è arrivato a raggiungere un livello di apprezzamento molto alto, in termini di stima e di fiducia, da parte degli italiani. Infatti, oltre il 60% del campione intervistato, non considera affatto Giorgio Napolitano un presidente di parte, confermando dunque, la percezione degli umori generali, che lo avverte come l'unica figura istituzionale di riferimento. Una fiducia che secondo i dati forniti dall'Ipr Marketing tocca nove cittadini su dieci, comprendendo la quasi totalità degli elettori del centrosinistra.

Sondaggio Demopolis: Terzo Polo sempre più decisivo

altL'Istituto Demopolis ha realizzato il recente sondaggio sulle intenzioni di voto degli italiani confrontandole con quelle del mese precedente. La situazione è stabile, con una perfetta parità tra il centro sinistra e il centro destra, entrambi stazionari al 42,5%. In questo contesto, pur perdendo qualche punto percentuale, il Terzo Polo, con il 13%, resta fondamentale per il Senato perché, alla luce della legge elettorale in vigore, nessuna delle due maggiori coalizioni otterrebbe la maggioranza dei seggi.

I NOSTRI BLOGGER

Foad Aodi - Eugenio Balsamo - Stefania Barzini - Stefano Basilico - Alessandro Bortolotti - Luca Borghini - Nuccio Bovalino - Maurizio Boscarol - Paola Bottero - Marco Brando - Federico Brusadelli - Emanuele Capoano - Massimiliano Caramazza - Massimo Carletti - Giorgio Cavagnaro - Giovanni Choukhadarian - Alessandro Carbone - Alessandro Carmignani - Fabio Chiusi - Federica Colonna - Fiorello Cortiana - Giovanni Coletta - Giuliano Compagno - Giuseppe Cecere - Ugo Maria Chirico - Giuseppe Ciraolo - Barbara Ciabò - Umberto Croppi - Giovanni Decaro - Fortunata Dell'Orzo - Francesco De Palo - Alfredo De Vuono - Leonardo D'Imporzano - Valeria Ercoli - Adriano Falanga- Caterina Filesi - Paolo Fini - Costanza Firrao - Christian Francia - Salvatore Francone - Marcello Frigeri - Tonia Garofano - Andrea Giorgio - Violetto Gorrasi - Fabio Granata - Andrea Grasso - Marco Iacona - Fabio Invernici - Vito Kahlun - Luciano Lanna - Fabio Lazzari - Loris Lazzaro - Manlio Lilli - Francesco Linguiti - Riccardo Lo Monaco - Cristian Lucci - Matteo Maltinti - Giuseppe Mancini - Gaetano Marolla - Maurizio Miceli - Marco Mitrugno - Mirko Montuori - Angela Napoli - Giovanna Nuvoletti - Francesco Onorato - Carmelo Palma - Francesca Papasergi - Lina Pasca - Andrea Pedrana - Luca Antonio Pepe - Flavia Perina - Emanuela Perinetti Casoni - Stefano Poma - Giorgio Puppi - Daniele Priori - Miro Renzaglia - Alessandro Rimassa - Dario Risuglia - Francesco Rosati - Giorgio Rosponi - Filippo Rossi - Roberto Sassi - Emiliano Sbaraglia - Gabriele Scarfone - Stefano Schiavi - Marco Scialdone - Maria Beatrice Scibetta - Pier Paolo Segneri- Giacomo Semeraro - Piero Signani - Matteo Soraci - Riccardo Spotorno - Andrea Tafini - Annalisa Terranova - Alessandro Venzano - Andrea Verde - Lina Urbani - Sergio Talamo - Luigi Tozzi